Bell’Italia – Carnevali e Tradizioni

Bell'Italia - Carnevali e Tradizioni
Là dove tramontano i miti delle gesta italiche, là nascono i carnevali. Nessuno li ha mai scritti. Niente li potrà mai cancellare. Nascono dal popolo per esorcizzare il tempo che inesorabile scorre sulla vita. Andando con la mente a rivivere gli innumerevoli episodi storico cultirali, tra leggende e miti italici, passando dai riti pagani di questo gran zibaldone italiano, sento quasi il dovere di descrivere per immagini, tre diversi racconti di questa bella Italia, con la malcelata ambizione di portare un contributo diretto ad informare di quanta tradizione storica e culturale ancora esiste in questa terra . Tre perle di una interminabile collana di storia nei carnevali. Tre esempi da abbinare con la fantasia alla piu’ importante rappresentazione in chiave grottesca della vita del popolo italico.
 
Bell'Italia - Carnevali e Tradizioni
Realizzata nel 1998, anno di inizio proiezione, è composta da 480 diapositive, di cui 300 a pieno formato, 120 di medio formato, 50 effetti speciali e 10 per titoli iniziali e finali. Tutte queste immagini sono raccolte in sei caricatori Kodak Carousel da 80 diapositive ciascuno, tutte intelaiate sotto vetro con telaietti 5x5 mm. Le fotografie che compongono la Multivision sono scattate nei seguenti paesi italiani: Ivrea, Venezia, Bagolino, nei mesi di gennaio e febbraio sia nell’entroterra che nelle isole. Commenta le immagini lo speaker Marco Balzarotti, il testo è stato scritto da Giuseppe Barbieri e Cesare Mor Stabilini la stesura dello story board e il montaggio delle immagini è di Cesare Mor Stabilini, che è anche l’autore della scelta delle musiche. La durata della proiezione e delle 480 diapositive è di 28 minuti primi. Una proiezione di alto livello culturale adatta per la conoscenza del territorio, consigliata per convegni, cineforum, scuole e università.
 
Oltre a queste 6, altre 470 completano la multivision.

I commenti sono chiusi.