1986 Jugoslavia unita – trà orogene e diogene

1986 Jugoslavia unita - trà orogene e diogene
Può sembrare la solita palese ricerca d'effetto. Ma un minimo senso di concentrazione su quanto intendo proporre con questo racconto fotografico, sono certo, servirà a illuminare il significato concettuale di OROGENE: Come origine di tutto quanto porta al concepimento e realizzazione di un qualsiasi argomento, in questo caso la trattazione di quanto in anni e anni, se pur episodicamente da mè visitati i luoghi che compongono l'argomento prettamente mirato sulla “JUGOSLAVIA”. Quella terra da mè conosciuta come culla di molteplici espressioni religiose. Di questo e di quant'altri argomenti porto a conoscenza dà forma al termine appunto di OROGENE. E di riflesso a quanto pocanzi accennato appunto: quel senso di concentrazione da lo spunto al termine ( DIOGENE ). La forma interpretativa che entra inconsciamente nell'intelletto umano, la dove dalla trattazione con qualsiasi forma interpretativa di un preciso argomento “ILLUMINA” e da vita ad un qualsiasi messaggio concepito da una singola mente per quanti resettori è destinata ad informare. In ultima analisi il prendere a prestito due parole dagli antichi testi filosofici comunemente usati per evitare la spiegazione fin quì elencata. OROGENE origine delle cose DIOGENE la luce che illumina e chiarisce tutte le cose.
 
1986 Jugoslavia unita - trà orogene e diogene
Realizzata nel 1989, anno di inizio proiezione, è composta da 480 diapositive, di cui 290 a pieno formato, 130 di medio formato, 50 effetti speciali e 10 per titoli iniziali e finali. Tutte queste immagini sono raccolte in sei caricatori Kodak Carousel da 80 diapositive ciascuno, tutte intelaiate sotto vetro con telaietti 5x5 mm. Le fotografie che compongono la Multivision sono scattate nei seguenti paesi europei: Slovenia, Croazia, Serbia, Bosnia, Cossovo, Macedonia, Montenegro, Erzegovina, nei mesi di giugno e luglio sia nell’entroterra che nelle isole. Commenta le immagini lo speaker Marco Balzarotti, il testo è stato scritto da Giuseppe Barbieri e Cesare Mor Stabilini la stesura dello story board e il montaggio delle immagini è di Cesare Mor Stabilini, che è anche l’autore della scelta delle musiche. La durata della proiezione e delle 480 diapositive è di 34 minuti primi. Una proiezione di alto livello culturale adatta per la conoscenza del territorio, consigliata per convegni, cineforum, scuole e università.
 
Oltre a queste 6, altre 470 completano la multivision.

I commenti sono chiusi.