La fortezza di Orzinuovi

La fortezza di Orzinuovi
  • La fortezza di Orzinuovi
  • La fortezza di Orzinuovi
  • La fortezza di Orzinuovi
  • La fortezza di Orzinuovi
  • La fortezza di Orzinuovi
  • La fortezza di Orzinuovi
  • La fortezza di Orzinuovi

L'intera opera è stata stampata in 99 cartelle numerate una per una a mano dall'autore e non sono più riproducibili formato cartelle cm. 32x42.

Forse è proprio li, in quella estenuante esibita agonia senza fine, in quella materia ovunque segnata e violata che scatta la contemplazione della buona morte, di tutte le cose o, al contrario, il desiderio prepotente di rimuovere da quelle pietre inquiete ed erose ogni sintomo della fine annunciata per un impossibile ritorno all’antico splendore. Atteggiamenti diversi che hanno in comune una matrice di carattere estetico, che si consumano perciò esclusivamente sul piano icastico dell’immagine. Immagine che ci permette comunque di leggere e penetrare all’interno dello spessore dei segni e dei materiali che la mano dell’uomo e l’uso hanno accumulato nel corso dei secoli. Anche le "pietre" del castello insieme all’intera complessità testimoniale offerta da ogni traccia, impronta, indizio a qualunque titolo impressi sulla materia segnata del palinsesto urbano dall’inarrestabile processo di riscrittura storico, testimoniano una complessità di situazioni, strati, accostamenti, sovrapposizioni, aggiunte,che costituiscono ormai le nostre più autentiche radici collettive, quel irripetibile città in cui viviamo e nella quale ci riconosciamo, comunque da tutelare, rispettare e curare nell’ottica di un sempre più generalizzato impegno alla sua conservazione integrale.

Alessandro Magli

I commenti sono chiusi.