Calvisano tra arte e cultura

Calvisano tra arte e cultura
  • Calvisano tra arte e cultura
  • Calvisano tra arte e cultura
  • Calvisano tra arte e cultura
  • Calvisano tra arte e cultura
  • Calvisano tra arte e cultura
  • Calvisano tra arte e cultura
  • Calvisano tra arte e cultura

L'intera opera è stata stampata in 259 cartelle numerate una per una a mano dall'autore e non sono più riproducibili formato cartelle cm. 32x42.

È la prima frase che affiora sulle labbra scorrendo le immagini realizzate da Cesare Morstabilini. Perché durante la visione, nel confronto tra la realtà della testimonianza ed il fotogramma, scatta un momento di riflessione che non vuole essere un desiderio di ritorno al passato, ma uno stimolo a sentirci calvisanesi “cittadini onorati nel rispettare, conservare e tramandare l’amore per i segni della terra in cui viviamo, perché in ognuno di noi scorre anche un po’ d’acqua di questa e da questa stessa siamo plasmati”. Diventa, quindi, piacevole scorrere la raccolta in questa chiave, cercando un introvabile filo conduttore in questo gomito iconico di grandangoli, primi piani e particolari di testimonianze che lontane dall’essersi completamente rivelate allo sguardo superficiale, perché quotidiano, sono sempre là per raccontare una storia che si costruisce giorno per giorno. Segno del passato certo, quindi del tempo che scorre, ma anche proposta di memoria per chi non vuole solo vivere l’attimo fuggente in questo sa che “non si può degnamente vivere il presente se non si conosce il passato”. Questo é il pensiero; adesso l’augurio: ogni lettore veda in questa raccolta un invito per visitare, riflettendo ed interpretando con la propria luce interiore, i segni e le presenze di calvisano qui fotoritratti.

I commenti sono chiusi.