L’Albero degli zoccoli

L’Albero degli zoccoli L’Albero degli zoccoli
  • L’Albero degli zoccoli
  • L’Albero degli zoccoli
  • L’Albero degli zoccoli
  • L’Albero degli zoccoli
  • L’Albero degli zoccoli
  • L’Albero degli zoccoli
  • L’Albero degli zoccoli
  • L’Albero degli zoccoli
  • L’Albero degli zoccoli
  • L’Albero degli zoccoli

L'intera opera è stata stampata in 150 cartelle numerate una per una a mano dall'autore e non sono più riproducibili formato cartelle cm. 32x42.

Ritrovo nella fotografia di Mor Stabilini un poco di storia condivisa. Tanto più in questa sezione di civiltà contadina,dove bisogni e silenzi si sono offerti,ugualmente soffusi,su un vasto orizzonte padano. E i chiaroscuri di Mor Stabilini,forse,sono intinti nell’inconscio della tavolozza “ dell’Albero degli Zoccoli “ molto prima che l’avventura di un film memorabile si componesse. L’idea,come direbbe Sciascia, anche qui, è nata molto prima dell’idea della rappresentazione: come in un sogno che si fa nella veglia, e stupisce nel suo divenire,uguale in ogni particolare,intonato agli stessi rumori,ai medesimi fruscii dei pensieri. Il San Martino di un novembre tedioso,passa con Il rispetto di un funerale,prudente a non soccombere alle lancinanti migrazioni interne da una cascina all’altra,dalla corte vecchia del paese al nuovo rettangolo di una nuova siepe dal verde anonimo. E,ancora, Mor Stabilini non risparmia nulla della sua intelligenza intuizione nel riproporre quegli stupendi vestiti fatti di niente: il cappello eterno,il gilè di soli bottoni a legare il grigio modesto di ogni roba di allora,mantelli disposti ad ogni vento,zoccoli resistenti come i sentimenti di un tempo. Mor Stabilini illustra,con non poche emozioni,i passi dell’esistenza di un epoca,quando le stagioni sbucavano pensate,ma destavano ugualmente sorpresa,come a un regalo improvviso sorride il viso di un bimbo. Il merito di Mor Stabilini è anche questo : ci riporta il gusto delle cose perse,quasi un fiocco di eterno nel vortice della precarietà.

Min. Mino Martinazzoli

I commenti sono chiusi.